BackBackMenuCloseChiusoPlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

Bananamama

Piccola sartoria di sorrisi

A proposito del progetto

 

Alla base di questa raccolta fondi c'è l'idea di affiancare all'attività sartoriale di bananamama una sorta di amplificatore sociale che punti a far risaltare le piccole associazioni che si occupano di inclusione sociale. In un periodo di emergenza empatica come quello che stiamo vivendo è il momento di ringraziare chi con tutto il proprio impegno e fatica si prende cura degli altri.

L'idea è di creare delle capsule collection nelle quali coinvolgerò degli illustratori che creeranno dei pattern per i tessuti, che poi andrò a inserire negli abiti. I pattern che commissionerò per le capsule collection, saranno dedicati ad una associazione, e quest'ultima riceverà una percentuale sugli incassi.

Verranno creati dei prototipi e in seguito partirà la modalità di acquisto in preordine. Questo permetterà sia di ridurre i costi che di organizzare la produzione, con sartorie e serigrafie sociali con cui sono già in contatto, al fine di allargare la cerchia di beneficiari di questo progetto.

Bananamama è già un brand riconoscibile rispetto alle altre attività emergenti di sartoria, per la scelta delle stampe e gli abbinamenti cromatici molto POP e divertenti. Quindi, ho deciso di partire da ciò che mi riesce meglio, comunicare coi colori e provare a mostrare attraverso disegni altrui, il mondo che vorrei.

In contemporanea andrà avanti anche tutta la collezione bananamama la cui percentuale di ricavi andrà alla causa della riforestazione che partirà già dagli alberi piantati tramite donazioni sulla piattaforma Treedom.

 

 

 

Quando ho scelto di avviare la campagna mi sono posta il dubbio di come poter coinvolgere il maggior pubblico possibile, avendo, un target molto definito. Ho scelto allora di affidarmi a Paolo Masiero per l'infografica, così da rendere l'essenza del progetto facilmente fruibile, affinché in caso di successo, possa rimanere a voi un bel ricordo,un assaggio di ciò che potrete trovare nelle collaborazioni future.

Ho scelto di realizzare una infografica e non un esempio di pattern, perchè sarebbe stato difficile per me scegliere un illustratore collegato ad una associazione, a discapito di un'altra.

Con questo criterio ho deciso di ringraziare chi mi supporterà con dei doni che richiamino ai temi principali che porto avanti dalla nascita di Bananamama, quelli ecologici:

shopper e tshirt saranno serigrate su cotone GOTS certificato

la borraccia in alluminio per aiutarvi nella battaglia contro l'utilizzo indiscriminato della plastica

gli alberi, per creare, una foresta comune che possa sensibilizzare in modo pratico sui temi del riscaldamento globale e della deforestazione, tramite l'aiuto della piattaforma Treedom.

                

A cosa serviranno i fondi ?

Ho deciso di suddividere la campagna in vari step corrispondenti ai diversi obiettivi, così che possa essere evidente  come i fondi verranno gestiti. Questo permetterà ai miei sostenitori di monitorare gli sviluppi di questo progetto in modo trasparente.

PRIMO OBIETTIVO
4000 € creazione del sito

SECONDO OBIETTIVO
Se superiamo 4.000 per raggiungere 5.500€ : creazione di un magazzino di felpa e jersey certificato GOTS dai colori base con quantitativi tali da poter permettere di abbassare i costi ed aumentare quindi la percentuale di denaro da donare alla causa prescelta.

TERZO OBIETTIVO
Se superiamo 5.500€ per raggiungere 8.500€ : sostegno alle spese gestionali per l'avvio di almeno 2 capsule collection. (illustratore/prototipazione/campagna fotografica e di comunicazione)

QUARTO OBIETTIVO

Se superiamo gli 8500€ ed arriviamo a 10000€ : implementazione del sito per rendere le collezioni sempre visibili e aggiungere la parte di monitoraggio dei fondi donati

QUINTO OBIETTIVO

Se superiamo i 10000€ ed arriviamo a 13500€ avvio di ulteriori 2 capsule collection

A proposito del progettista

Mi chiamo Elisa e nella vita precedente sono stata una restauratrice. Bananamama è il mio piano B o forse anche C della vita. Se ho deciso di aprire questa campagna di crowdfunding è perché, dopo un paio di anni in cui ho fatto market per testare il mio gusto estetico, sento la necessità di chiudere il cerchio. Fin dalla adolescenza ho dedicato del tempo ad attività di sporadico volontariato, per poi buttarmi a capofitto nel mondo del lavoro e tralasciando tutto il resto. Facendo un bilancio e voltandomi indietro ho compreso che i momenti in cui ho spesi in attività sociali sono stati quelli che mi hanno lasciato i ricordi migliori e che ancora mi fanno sorridere il cuore. Per questo ho deciso di dare un piccolo contributo, attraverso ciò che mi riesce meglio, far sorridere coi tessuti e lanciare un messaggio di cura ed attenzione per i piccoli gesti. Portare avanti questa campagna è il mio modo di ringraziare chi si occupa degli altri col sorriso.