BackBackMenuCloseChiusoPlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

Scomodo

I nuovi volti del cartaceo

A proposito del progetto

Scomodo è un mensile di informazione critica e indipendente, nato nell’agosto del 2016 dalla volontà degli studenti medi e universitari di creare un nuovo modello giornalistico e culturale.

Il giornale, esclusivamente cartaceo, è frutto del lavoro congiunto di una redazione composta di 200 ragazze e ragazzi: ad oggi ha 60 pagine, ne vengono stampate 7500 copie ogni mese, gratuite e senza alcuna pubblicità, e viene distribuito in oltre 120 tra scuole, università e “Punti Scomodi”, ovvero luoghi di cultura e aggregazione su tutto il territorio romano e non solo.

Scomodo si pone come rivista indipendente realizzata dagli studenti e volta alla trattazione e all’analisi della realtà circostante. Proponiamo una linea critica distante da qualsiasi faziosità, sviluppando un’informazione che mette al primo posto la qualità dei contenuti. Il taglio degli articoli non è per questo privo di senso critico, anzi l’essere slegati da logiche o pensieri imposti da terzi è garanzia di un’argomentazione completa e approfondita.

Per fare tutto ciò, riteniamo fondamentale rimanere indipendenti e svincolati da qualsiasi dinamica economica e politica.

Abbiamo quindi scelto il metodo dell’autofinanziamento, che avviene attraverso le Notti Scomode, non solo momenti di aggregazione ma vere e proprie manifestazioni culturali. Per le Notti Scomode scegliamo come location degli spazi abbandonati, potenzialmente beni inestimabili per i cittadini ma trascurati dalle istituzioni, facendoli vivere per una notte, riqualificando così luoghi straordinari di Roma con musica e installazioni artistiche.

Scomodo dall’idea editoriale ha esteso il nostro progetto a ogni ambito della cultura, immaginando ogni giorno una città diversa e più viva, che torni a respirare grazie alla cultura stessa. Diamo quindi spazio a giovani artisti di ogni tipo e promuoviamo progetti paralleli, come Orfico, progetto musicale che punta a valorizzare l’arte visiva e la musica d’avanguardia ( www.facebook.com/ScomodoOrfico ) o Voci della Metropoli, la piattaforma multimediale attraverso la quale Scomodo racconta Roma, i suoi quartieri e molto altro (www.facebook.com/ScomodoVDM - www.youtube.com/watch?v=mUyyPxwkmyE )

A cosa serviranno i fondi ?

 

Scomodo è cartaceo e indipendente, e lo sarà sempre. Per questo, puntiamo a raccogliere fondi per continuare a stampare il giornale senza finanziamenti e influenze politiche o economiche sul prodotto che ogni mese pubblichiamo.
Per questo abbiamo deciso di avviare una campagna di crowdfunding per poter essere,ancora di più, il giornale di tutti coinvolgendo ogni cittadina e cittadino continuando a proporre un prodoto editoriale critico, indipendente e approfondito.

Con la nostra campagna di crowdfunding puntiamo a raccogliere 25mila euro.
Grazie a questi fondi, riusciremo a stampare Scomodo ad aprile, maggio (numeri che verrano stampati regolarmente, in 7500 copie) e giugno: quest’ultimo sarà un numero estivo di 200 pagine, stampato in 10.000 copie che accompagnerà il lettore fino all’inizio del nuovo anno di stampa.

Inoltre, la stabilità economica raggiunta grazie al crowdfunding potremo aumentare il numero di copie stampate ogni mese, riuscendo quindi a raggiungere più persone all’interno e fuori dalla nostra città.

 

Di seguito alcune delle ricompense realizzate appositamente per questa campagna di crowdfunding:

 

 

A proposito del progettista

Il nostro giornale nasce da una fondamentale presa di coscienza riguardo al presente e al futuro dell’informazione. Il modello di informazione che Scomodo porta avanti è fatto di articoli approfonditi, criticie la cui lettura sia lenta e concentrata.

Tutto questo con il modello informativo della rete non è conciliabile: secondo numerosi studi al livello europeo e mondiale, articoli, racconti e addirittura libri sullo schermoportano il lettore a un livello di concentrazione nettamente inferiorerispetto alla lettura sulla carta, portandolo a non assimilare i concetti con cui è venuto a contatto. Da questo fenomeno non è esente l’informazione: al lettore viene continuamente proposta dalla rete un’informazione fatta di flash, di tweet e di nozioni, la cui profondità è pressoché nulla.

Scomodo, attraverso la scelta del cartaceocome unico veicolo per l’informazione (sia di attualità, sia di cultura), intende ridare valore a quella dimensione di profondità e concretezza della lettura, impossibile da raggiungere attraverso il digitale. E compie tutto ciò mese dopo mese, stampando migliaia di copie del giornale e distribuendolo a ragazzi e non, su tutto il territorio romano e non solo. 

 

Questa una piccola parte della nostra famiglia, che sta diventando ogni giorno più grande ! 

 

FAQ

Se hai ancora qualche dubbio, non esitare a contattare direttamente il responsabile del progetto.

Inviaci una domanda Segnala questo progetto