BackBackMenuCloseChiudiPlusPlusSearchUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB CorporationBcorp /* ULULE BRAND LOGOS */

Cotonfioc Festival 2019

III edizione - 15 e 16 giugno

A proposito del progetto

PERCHÉ COTONFIOC
Cotonfioc nasce nel 2017 con l’ambizioso obiettivo di decentrare il fervore artistico della città in aree periferiche di Genova, coinvolgendo talenti contemporanei nei campi delle arti visive e dell’editoria indipendente.

Il festival è un progetto unico nel panorama genovese in quanto collettore culturale in una città che sente il bisogno di aprirsi e ospitare stimoli esterni per non rimanere isolata dal panorama nazionale ed internazionale.

-

STRUTTURA DEL FESTIVAL
Cotonfioc apre le porte di luoghi poco conosciuti, facendo (ri)scoprire ai suoi visitatori il fascino nascosto di complessi cittadini da riqualificare. Durante le giornate in cui si svolge la rassegna è possibile immergersi in un’atmosfera stimolante, curiosando tra i banchi del mercato delle autoproduzioni, lasciandosi ispirare dalle opere in mostra, partecipando a workshop multidisciplinari con esperti del settore, assistendo a conferenze a tema, godendosi un’area street food, serate musicali e performance live.

CFF19 | TERZA EDIZIONE
Per il secondo anno di fila, si è scelto per il festival un luogo spogliato della propria identità: il complesso ottocentesco dell’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto dei Mille. 

La rassegna contribuisce a un ampio processo di riqualificazione sociale che vede come protagonisti lo spazio e i suoi abitanti e invita la cittadinanza a riflettere nuovamente sulle potenzialità di questo luogo carico di storia.
Vogliamo dare ancora una volta un nuovo volto ai porticati e ai cortili di questo grande edificio.

PROGRAMMA

// MOSTRA MERCATO | SAB 15 - DOM 16 //

Espongono:

A Messy Studio | Agrumi Studio | AIAP | Alterazioni Video | Anita Scianò | Bolo Paper | Book Morning | Boom Bag | Bronzo Studio | Caffè Design | Chicks | Diego Bonci | Edito InProprio | Emanuele Tassara | Enrico Iori | Fabio Ruwett | Fatto Apposta | Federica Zancato | FLOH | Fosbury Architecture | Francesca Perego | Francesco del Re | Fuori Formato | Guia Bertorello | K28 Sick Creativity | Kalibù | Le Gnigne | LePalle.it | Lino's & Co. Genova | Malvaginae | Mara Pidello | Maria Martini | Martaruga Lab | Martina Vincenti | Mellow Concrete | Neodimio | Numero Cromatico | Palazzi Club | Papê | Per Inciso | PICA | Piccola cartoleria illustrata | PPPattern | Pratiche dello Yajè | Print Club Torino | Printaly | Saleh Kazemi | SAMpress | Sta*mina comics | Stresso Magazine | Tazi Zine | Trek | Unseen | Ventuno Studio Lab | Xrivista

// MOSTRE |  SAB 15 - DOM 16 //

“CREPE - CERCARE NEGLI INTERSTIZI”, mostra principale di Cotonfioc Festival 2019, comprende le opere vincitrici dell’omonima CALL for Artists - CFF19.

Alla valutazione delle candidature hanno contribuito Zoë De Luca di DIORAMA editions; Renato Fontana di Italianism e PPPattern, Simone Sbarbati di Frizzifrizzi, Gossypium Ass. Culturale

🏆 Isidoro EasyWeasy Acquaviva, Andy McFly, Lorenzo Badioli, Ermanno Cavaliere, Roberto Cerreto, Francesco Del Re, Irene Delvai, Luca Di Giamberardino, Virginia Gabrielli, Luca Guadagnini, Linda Katër, Alberto Lot, Giulia Martinelli, Caterina Marvaso, Simone Massafra, Cinzia Piazza, Daniele Porcari, Gianni Puri, Alessandro Ripane, Davide Bart Salvemini, Chiara Sarri, Matteo Signorelli, Stefano Stecchelli (To Nowhere Studio), Daniel Trudu, Lilla Turi

Le opere verranno inserite nell'omonimo catalogo, ordinabile attraverso questa campagna di raccolta fondi a sostegno del festival

“QUADRIFLUOX - A NEW CMYK WORLD” a cura di 70MAGENTA

Quadrifluox è un progetto che esplora l’uso e l’applicazione degli inchiostri fluorescenti nella produzione di stampati tipolitografici in quadricromia. Ispirato dalle artefatte palette cromatiche della grafica digitale contemporanea, il sistema sviluppa colori vibranti, ultraluminosi e ipersaturi raggiungendo una gamma cromatica del tutto eccezionale, alternativa a quella sviluppata della quadricromia classica.

“DISAPPEARING OBJECTS” di Louis De Belle

Il bello dei giochi di prestigio è proprio guardarli sapendo che l’illusionista o prestigiatore ci sta in qualche modo imbrogliando, e vogliamo che lo faccia: intorno a questo concetto il fotografo Louis De Belle ha pensato alla serie Disappearing Objects, in cui ha raccolto e fotografato alcuni trucchi e strumenti del mestiere, senza però svelare il modo in cui vengono usati.

“UN SUONO SULL’ACQUA” di Gionata Girardi

Progetto che nasce dalla scoperta di un fenomeno morfogenetico dell'acqua che dimostra come i liquidi, influenzati da suoni e frequenze, inscrespandosi, creino delle geometrie quasi perfette.

La mostra comprende una raccolta di rielaborazioni artistiche e un'installazione che riproduce il fenomeno.

“NODES” a cura di Numero Cromatico

Numero Cromatico è un'associazione e un centro di ricerca formata da un gruppo di ricercatori under 35, artisti e neuroscienziati, i quali progettano e costruiscono attività innovative e di grande spessore culturale e scientifico sulla relazione tra arte e scienza.

Fin dalla fondazione il centro di ricerca pubblica la rivista Nodes, unico periodico sulla relazione tra arte e neuroscienze.

// INSTALLAZIONI | SAB 15 - DOM 16 //

Espongono:

Accademia Ligustica di Belle Arti (studenti selezionati) | Xhulja Liçaj | Mefistofele Documenta

// WORKSHOP // ISCRIZIONI

“DISEGNI AL CIANOTIPO” | SAB 15 H 16-19

Laboratorio di cianotipia, a cura di PICA

Cos'è? Si tratta di un procedimento di stampa fotografica che sfrutta la fotosensibilità di due sali di ferro opportunamente miscelati. La luce solare li trasforma chimicamente in una sostanza insolubile di colore blu intenso.

“CONTEMPORARY KINTSUGI 金継ぎ” | DOM 16 H15-16.30 e 17-18.30

L’arte di riparare con l’oro, a cura di Barbara Ventura e realizzato in collaborazione con il Laboratorio di Ceramica dell’I.M.F.I.

Il kintsugi, letteralmente “riparare con l’oro”, è una pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di un metallo prezioso per saldare assieme i frammenti di un oggetto rotto.

La tecnica permette di ottenere degli oggetti preziosi: ogni ceramica riparata presenta un diverso intreccio di linee dorate unico ed ovviamente irripetibile per via della casualità con cui la ceramica può frantumarsi.

“CHE CARATTERINO!” | DOM 16 H15-16 e 17-18

Laboratorio di stampa tipografica per bambini, a cura di Lino's and Co. Bottega di Genova

Il Letterpress è una tecnica di stampa tipografica a bassorilievo molto antica, da sempre realizzata con macchine tipografiche “d’epoca” a caratteri mobili. Si contraddistingue da altre lavorazioni per la sua capacità di comunicare non solo visivamente, ma anche tattilmente: i testi trattati con questa tecnica risultano infatti incavati o rialzati rispetto alla normale stampa.

ISCRIZIONI

// TALKS //

ARTI VISIVE E AUTOPRODUZIONE | SAB 15 H 15-18

Moderatore: Anna Daneri

Intervengono: AIAP Liguria | Caffé Design | Numero Cromatico | Print Club Torino

RIGENERAZIONE URBANA | DOM 16 H 15-18

Moderatore: Pietro Millefiore

Intervengono: Alterazioni Video | Associazione Olinda (Paolo Pini Milano) | Fosbury Architecture

// LIVE MUSIC & DJ-SET //

In collaborazione con Code War

Andromaca / Franco / Modus | SAB 15 H19-24

Irene Buselli / Follow The River / Phomea | DOM 16 H19-23

// FOOD AREA //

Gelatina | Gradisca Cafè | UVA – Urban Vineyard Area

A cosa serviranno i fondi ?

I fondi verranno utilizzati per:

- Allestire le mostre,

- Rendere più accogliente l'ex Ospedale Psichiatrico;

- Noleggio service per performance live e per allestimento mostra mercato;

- Spese organizzative e utenze;

- Compensi per personale artistico e tecnico;

- Rimborsi spese per volontari e ospiti del festival;

- Acquisto di materiale per la promozione della rassegna.

A proposito del progettista

Gossypium Ass. Culturale nasce a Genova nel 2015 ed è composta da menti e mani grafiche, illustratrici, musicali.

Personalità e professionalità eterogenee, accomunate da due passioni: quella per l'arte e quella per Genova.

Attraverso l'organizzazione di eventi e manifestazioni a ingresso gratuito, l'obiettivo di Gossypium è quello di offrire una cultura fruibile a tutti, affinché essa possa diffondersi e svilupparsi

Share Seguici

FAQ