BackBackMenuClosePlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

APPASSIONATE

Donne che hanno fatto della loro passione un'impresa

A proposito del progetto

“Ero molto emozionata questa mattina, quando mi sono alzata dal letto. Erano almeno due anni che non dovevo svegliarmi così presto per andare a lavoro. Anzi per dirla tutta, erano due anni che non lavoravo.”

Inizia così il primo capitolo di APPASSIONATE, reportage narrativo, in cui racconto l'incontro di una donna, che cerca la sua strada professionale, con dieci imprenditrici italiane che hanno costruito la loro impresa partedno da una loro passione.  

Ogni capitolo un viaggio per passare ventiquattro ore con ognuna di loro. Ogni viaggio una storia d’impresa vera, un esempio da portare a casa, suggerimenti e aneddoti su come loro hanno fatto a superare i limiti, andare avanti nonostante le difficoltà. Ma anche la loro idea di lavoro, nuova, legata la piacere e alla motivazione interiore. La loro idea di guadagno e di prodotto. Come queste dieci imprenditrici  hanno trovato il coraggio di puntare tutto su di sé, affermare la propria idea e trovargli uno spazio giusto nel mondo.  

Storie vere, empatiche, commuoventi, che ispirano a seguire la propria passione.

 

 

“Tra rinunciare ai trecento euro di rimborso spese dell’ultimo stage e investire la mia vita sulle cose che mi piacevano, non ho avuto dubbi. Certo, mi faceva paura, ma tanto la paura c’era pure prima, quando pensavo che avrei risposto al telefono per sempre."

Chiara, designer vegana

 

 

 

 

Due anni fa, ho iniziato ad intervistare donne di tutta Italia che hanno fatto della loro passione la loro impresa, le ho chiamate le APPASSIONATE. Anch’io come la protagonista, avevo bisogno di ispirazione e da ogni viaggio tornavo più felice e determinata, il loro esempio era contagioso.

 

 

“Ai sogni devi mettere le gambe, se anche così non si realizzano è perché non li hai sognati abbastanza intensamente.”

Marina, imprenditrice del vino

 

 

 

A quel punto ho capito che volevo raccontare quell’entusiasmo, per far conoscere un’altra Italia, quella sana, creativa e intraprendete, quella delle donne.

 

“Volevo costruire qualcosa che si reggesse da sola, che avesse un’anima, qualcosa che fosse come io penso il mondo…da bambina m’incantavo a guardare il pane cuocere...” “Mi stai dicendo che hai chiuso il tuo studio di architettura per una passione che avevi da bambina?” “Sì, e ti dico pure che ogni giorno ringrazio quella bambina per aver avuto tanta pazienza.”

Maria artigiana dei biscotti

 

Imprenditrici  che hanno creato il lavoro per loro stesse e per gli altri e che si svegliano ogni mattina per fare quello che piace loro fare. Donne che guardando la vita dal loro punto di vista intercettano bisogni non soddisfatti, creando finalmente prodotti e servizi sensati e necessari.

 

“Dal momento in cui ho deciso ho passato i sei mesi successivi ad allenarmi. Andavo in palestra, ma dicevo a mia figlia che lavoro. Avevo bisogno di sapere che tutto il mio corpo mi avrebbe sostenuta nel salto che stavo per fare.

Volevo creare una mia impresa, che mi permettesse di lavorare usando le esperienze che avevo fatto fino a quel momento.”

Rosanna, imprenditrice servizi bambini

 

Voglio raccontare che in Italia ci sono già 1.480.000 imprese al femminile, che con il loro lavoro quotidiano trasformano la realtà del lavoro, e la realtà tutta, perché il loro modo di gestire relazioni, obiettivi produttivi è molto diverso da quello che siamo abituati a conoscere e che ci ha portato al mondo in cui viviamo.

 

“Credo che il lavoro non possa essere finalizzato solo al guadagno, ma deve includere anche la costruzione di un’etica e di una morale”

Giulia, proprietaria fattoria sociale.

 

 

 

Le APPASSIONATE trasformano profondamente anche la realtà della loro anima, ed è forse quella la sfida più dura, ascoltare la propria anima.

A cosa serviranno i fondi ?

Chiedo il vostro aiuto per terminare le interviste, ultimare la scrittura  del libro, consegnare all'editore la prima stesura del libro.

una parte del budget sarà impegnato per pagare le trasferte necessarie ad incontrare e intervistare le ultime APPASSIONATE.

un'altra parte sarà necessaria per garantirmi la tranquillità di scrivere.

Con il vostro aiuto conto di finire le interviste per il mese di marzo e a stretto giro la stesura del libro.

Vi terrò aggiornati sui tempi delle stampa e della pubblicazione.

GRAZIE!

 

 

 

A proposito del progettista

 

 

Anch’io voglio essere una di loro.

 

 

 

Neo quarantenne, fino a tre anni fa autrice televisiva. Ho deciso di dedicarmi alla scrittura quando ho capito che in quel modo non avrei potuto raccontare la verità delle storie che incontravo. Ho iniziato a collaborare con un blog del Corriere della sera, e da due anni racconto per loro storie di donne e impresa. Scrivo anche su altre riviste e per pagare l’affitto subaffitto una stanza di casa mia a turisti di tutto il mondo.

Credo molto in questo progetto, le storie che incontro durante le interviste sono entusiasmanti e mi stanno insegnando che puntare su quello che mi ci piace è il modo migliore di vivere. Voglio far diventare APPASSIONATE il mio mestiere.

 

La pagina di APPASSIONATE in facebook https://www.facebook.com/pages/APPASSIONATE/441485765965592

Il mio profilo su Corriere della sera/La 27esima ora http://27esimaora.corriere.it/?s=filomena+pucci&submit.x=13&submit.y=14

 

 

FAQ

Se hai ancora qualche dubbio, non esitare a contattare direttamente il responsabile del progetto.

Inviaci una domanda Segnala questo progetto