BackBackMenuCloseChiusoPlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

LAND IN SIGHT

Storie di pirati dal Confine

A proposito del progetto

All’origine di questo progetto c’è la voglia di raccontare la vita di alcune persone che troppo facilmente vengono definite outsider o marginali, persone che sembrano rifiutare ciò che si dice la civiltà.

I personaggi del film sono uomini e donne che conducono una vita scollegata, a volte selvaggia, improvvisata, che fugge dalla banalità di un'esistenza preconfezionata. Essi cercano altrove un loro intimo e personale modo di stare al mondo.

Non è nostra intenzione però, tracciare la solita opposizione tra conformismo e anticonformismo. Queste persone non cercano un’identità alternativa a quella predominante, non aderiscono a una qualche ideologia, non sono nè degli hippies, nè dei ribelli anarchici. La loro è piuttosto una filosofia dell’avventura che a volte rischia di perdersi in un romanticismo fine a sé stesso.

Il film che vogliamo realizzare attraversa le loro esistenze caotiche, indagando un certo bisogno represso e fanciullesco per l’inaspettato e la loro attrazione per il gioco, così evidente quando si è bambini, e che poi spesso si smarrisce nel diventare adulti.

In fin dei conti la loro filosofia di vita si può riassumere così: non sembra esserci una salvezza valida per tutti; ognuno crea la propria vita come preferisce e cerca d’essere felice a proprio modo. I protagonisti del nostro film vivono come se non esistessero leggi definitive e rimangono fedeli soltanto a loro stessi.

La non fissità viene intimamente accettata da ognuno di loro. Essa restituisce all’individuo una dimensione più giusta e sana della precarietà del reale: dal momento in cui le cose non sono mai davvero fisse, come testimoniano anche i moderni principi della fisica quantistica, i personaggi del nostro film interpretano la vita come una trasformazione continua.

Noi vogliamo raccontare questo loro tentativo di crescere rimanendo bambini.

 

A cosa serviranno i fondi ?

Questo crowdfunding è solo uno degli strumenti di finanziamento e sostegno che stiamo utilizzando per realizzare il nostro progetto. Recentemente abbiamo ottenuto un finanziamento per "la scrituttra e lo sviluppo del soggetto" da parte del CBA - Centre de l'Audiovisuel à Bruxelles.

I fondi che chiediamo attraverso questo crowdfunding, servono per integrare il finanziamento già ricevuto ed avere una base economica necessaria ad avviare la prima fase di sopralluoghi/riprese nei prossimi mesi di Settembre-Ottobre.

Parallelamente all'avvio delle riprese, il CVB - Centre video à Bruxelles, che sta seguendo la produzione del progetto, ci aiuterà a richiedere altri fondi pubblici così come ad individuare case cinematografiche interessate ad entrare in co-produzione.

Le riprese del film verranno effettuate in un periodo di tempo che durerà almeno un anno. Prevediamo quindi di finalizzarlo non prima della fine del 2018.

Una volta che il film sarà finito, a seconda del vostro contributo, riceverete una delle diverse ricompense che abbiamo messo a vostra disposizione: la visione del film online, blu-ray/pen-drive del film con contenuti extra, proiezione del film con presenza degli autori ecc. (spese di spedizione a carico nostro). E' anche possibile fare una semplice donazione senza chiedere niente in cambio (nella colonna di destra di questa pagina potete scegliere l'opzione che più preferite). Qui di seguito trovate invece maggiori informazioni su come sostenere il progetto e sui criteri di sicurezza con cui avvengono le transazioni: https://support.ulule.com/hc/it/articles/211813189-Come-sostenere-un-progetto-finanziariamente-

Potrete seguire la lavorazione del film attraverso gli aggiornamenti che pubblicheremo periodicamente sulla pagina Facebook del progetto https://www.facebook.com/landinsightdoc oppure consultando in qualsiasi momento la sezione news di questa pagina.

Per chi volesse invece ricevere subito qualcosa di concreto, abbiamo pensato di chiedere alla nostra amica e artista Valeria Scricco di realizzare un quaderno/diario ispirato all'immaginario del film:

 

Un quaderno, un dispositivo che vive e fa vivere la parte di ognuno di noi che, nascosta durante l'ordinario diurno, si anima e si svela nelle ore crepuscolari e nelle discese verso il notturno.

Come quando, in silenzio nel mezzo della foresta, le origini del mondo si manifestano in veste di interstizi, mostrando l'esistenza di una terra ancora selvaggia, poeticamente violenta, di una bellezza mostruosa ed inafferrabile.

Valeria Scricco

TECNICHE USATE

Acquerello, tempera, incisione su metallo e su linoleum, matite colorate, grafite, penne, pantoni, monotipi, vecchie foto di vecchi giornali. Rilegatura a mano.

 

DIMENSIONI

A5 (21 cm di altezza 14,8 di larghezza)


 

 

A proposito del progettista

      

 

Giulia Angrisani dopo aver stostenuto gli studi in Antropologia tra Napoli e Lisbona, attualmente vive a Bruxelles dove ha conseguito un master presso la Scuola di ricerca grafica e pedagogica ERG (www.erg.be). I suoi progetti mirano a creare un terreno comune tra l arte e le scienze umane. I film a cui sta lavorando entrambi rispondono all'urgenza di creare nuovi alfabeti, nuove formule di pensiero e quindi di realtà.

Mattia Petullà si è laureato in Scienze della comunicazione a Bologna. Si è formato come videoreporter, ma in seguito realizza anche videoinstallazioni, monta videoclip e documentari e realizza i primi cortometraggi come regista distribuiti in vari festival internazionali. Attualmente lavora come regista e producer freelance. LAND IN SIGHT e' il suo primo progetto di lungometraggio.

FAQ

Se hai ancora qualche dubbio, non esitare a contattare direttamente il responsabile del progetto.

Inviaci una domanda Segnala questo progetto