BackBackMenuClosePlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitter

My Style

"Un libro d'immagini sul mondo”

A proposito del progetto

My Style è un libro d'immagini sul “mondo”: un mondo plurale e universale che coinvolge ogni sua sfumatura. My Style vuole essere un libro sul quel “mondo” che dal tramonto fino all’alba sprigiona le speranze, le necessità, gli spazi – materiali e dell'animo - e le strade che stiamo percorrendo. My Style è insomma il mondo del nostro domani che ha l’intento di trasformare il presente nel futuro.

 

 

Il progetto, lanciato e coordinato da Ottavio Celestino è nato dal desiderio di raccontare dimensioni che appartengono a tutti noi, secondo il nostro stile, le nostre attitudini. Tenta di rappresentare la nostra identità del domani con un linguaggio iconografico diretto a far emergere prospettive e suggestioni comuni che la stessa quotidianità già ci fornisce.

My Style, forse, è lo stile di ognuno di noi, di ognuno di voi: è un mondo latente, che tutti portiamo già addosso e tutti stiamo già mostrando. Cerchiamo solo di farlo emergere.

Abbiamo voluto dividere il nostro racconto in capitoli in base a quelle istanze che formano la coscienza e il sentire comune nel vivere quotidiano, cercando di rintracciare quella vividezza che col nostro presente riversiamo nel futuro.

 

 

My humanity: Sguardo fresco e di attenta ricerca sul presente. Accoglienza e integrazione sono i valori che poniamo al centro di quest’indagine e che diventano così avanguardie per il mondo nuovo.

My travel: Racconti sulla formazione della coscienza, della nostra personalità e identità, in quanto percorsi, che muovendosi nello spazio storico e fisico, ci riportano a quei sentieri che attraversiamo, nello stesso tempo, con noi stessi.

My necessary: La dimensione in cui tutti ritroviamo la nostra soggettività, e quindi anche l'altro, legati dal riconoscimento dell'immanenza in noi di speranze, attese e bisogni.

My eating: Citazioni e riferimenti al nostro essere che, partendo da dimensioni concrete delle quali ci nutriamo, ci lega al nostro modo di vivere e di voler riviverci.

 

 

 

My Style è un libro che ha coinvolto l'attenzione e il sostegno di personalità professionalmente attive del mondo dell'immagine e della rappresentazione. Ai fini di una maggiore comprensione del nostro stato attuale e propositivi nei confronti delle opportunità future, il libro consterà di loro scritti ispirati dai temi trattati.

 

 

 

MATTEO BASILE': tra i primi artisti a fondere in Europa arte e tecnologia, soffermandosi anche sul portare ad una sintesi idee opposte come la sacralità e il profano, naturale ed artificiale, ciò che è reale e ciò che, forse, non lo è, partendo dalla natura dell'essere umano secondo una negoziazione della percezione dell'esistenza. Ha esposto le sue opere e le sue ricerche presso istituzioni, gallerie ed eventi di livello nazionale ed internazionale, tra i quali la Biennale di Venezia.

 

PIETRO RUFFO: in seguito agli studi di architettura si trasferisce a New York presso la Columbia University. Qui, decide di concentrare la sua attenzione sugli strumenti dai quali si sviluppa il lavoro architettonico - il progetto, la carta e il disegno - dandogli poi una dimensione tridimensionale. Abbandona alcuni statuti, per indagare su temi della storia universale, quali la libertà e la dignità dell'individuo dinanzi la massificazione contemporanea. Espone presso spazi di caratura internazionale tra i quali la Biennale di Mosca e la Lorcan O'Neill's Gallery.

 

MAURO DI SILVESTRE: studia pittura a Los Angeles e a Roma. Le sue opere sono caratterizzate da una sovrapposizione visiva fatta di pattern decorativi che emergono su immagini evocate dalla memoria intima e personale. Le immagini da lui rappresentate nascono da gesti, volti e figure di origine mnemonica che svaniscono e riappaiono dietro la coltre di un motivo che spesso le fa trasparire o intravedere. Ottiene diversi riconoscimenti pubblici come il Premio Città di Lissone e il Premio Celeste. Lavora a New York, espone in India, a Seul e partecipa alla XV Quadriennale di Roma.

 

OTTAVIO CELESTINO: attivo come fotografo nel settore dell'advertising, del fashion e del beauty, ha lavorato presso i maggiori marchi e agenzie pubblicitarie internazionali, ottenendo importanti riconoscimenti, quali, tra numerosi altri, il Best Ad. Photographer World Wide. Concentra inoltre la sua ricerca personale nell'analisi dei movimenti artistici italiani e, allo stesso tempo, su elementi della vita quotidiana. I suoi lavori sono stati esposti o acquistati da gallerie, enti e marchi nazionali ed internazionali.

 

CHI SIAMO NOI? Siamo un gruppo di fotografi che hanno condiviso un percorso di studi comune presso l'Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata (ISFCI) di Roma, ma che hanno ritrovato nelle proprie diverse biografie, nei nostri diversi interessi, il sentore che ci fosse molto da dover raccontare del mondo attuale. Soprattutto che ci fosse del nuovo, da raccontare, riconoscendo che gli occhi di ciascuno fossero inevitabilmente occhi diversi e quindi inediti. Sentiamo di trovarci in quei limbi che solcano i confini tra le epoche. Il nostro vuole essere un racconto di cosa ci aspetta, come saremo, cosa possiamo o abbiamo già fatto per esserlo. Ognuno secondo le proprie esperienze, ognuno secondo i propri pensieri che tornavano a fine giornata, quasi come residui ma in realtà come la sostanza della nostra essenza, dell'essenza del "mondo". Ognuno secondo il proprio stile.

 

DIMENSIONI:16,5 x 22 cm.

DATI TECNICI: Brossurato, copertina plastificata 300g, 150 pag. in carta patinata opaca da 170g

A cosa serviranno i fondi ?

I fondi che riceveremo dal vostro aiuto ci permetteranno di realizzare questo libro fotografico.

 

A proposito del progettista

SEGUICI SU FACEBOOK

Luisa Antonangeli

Mariapaola Braccio

Lorenzo Caramelli

Alessandra D'Aleo

Marilena Divito

Francesco Natale

Francesca Ocello

Alessandra Oro

Paolo Piantadosi

Bianca Simonetti

 

FAQ

Se hai ancora qualche dubbio, non esitare a contattare direttamente il responsabile del progetto.

Inviaci una domanda Segnala questo progetto