BackBackMenuCloseChiusoPlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

SALPIAMO

Progetto di Velaterapia

A proposito del progetto

Salpiamo è un progetto di velaterapia no profit destinato ai disabili mentali. L’idea nasce da Giovanni De Pasquale, appassionato professionista del mondo della vela e Istruttore FIV (Federazione Italiana Vela), consapevole dei benefici che l’esperienza in barca a vela può portare ad ogni individuo. L’esperienza unica della navigazione influisce in positivo sia sul benessere psichico ed emotivo che su tutte le abilità coinvolte oltre che sull'autodeterminazione del partecipante.

In cosa consiste il progetto? Salpiamo in numeri

Individuare un gruppo di 80 ragazzi tra i 18 e i 40 anni affetti da disabilità mentale e far vivere loro un’esperienza diversa, costruttiva e stimolante grazie alla velaterapia.

Il progetto che parte da un corso di vela della durata di 64 ore totali tra incontri preparatori e uscite in barca con staff di istruttori e psicologi e volontari, a partire dalla primavera 2018 per circa due mesi.

Un obiettivo ambizioso

Il progetto in sé la finalità della velaterapia e ambisce a far culminare l'intero percorso con un obiettivo sfidante: la celebre regata Brindisi Corfù, a cui dopo un'attenta analisi, parteciperanno i ragazzi ritenuti più idonei a superare un impegno importante con circa 24 ore di navigazione.
Il percorso sarà strutturato in due uscite settimanali della durata di quattro ore, dove i ragazzi verranno divisi in gruppi a rotazione, intervallati da incontri teorici ed incontri con tutti i ragazzi e i loro familiari per verificare andamento del percorso.

Destinatari diretti e indiretti

  • Partecipanti: persone con disabilità intellettiva medio-lieve, prevalentemente ragazzi e/o adulti di età compresa dai 18 ai 40 anni e provenienti dal territorio pugliese.
  • Famiglie: proponiamo un’alternativa e un sostegno alle famiglie dei ragazzi affetti da disabilità.
  • Associazioni: includeremo associazioni che collaborano con disabili.
  • Comunità: attraverso questa proposta vogliamo anche sensibilizzare e informare, abbattere pregiudizi che sussistono rispetto al tema della disabilità in generale.

A cosa serviranno i fondi ?

I fondi serviranno per finanziare il progetto e renderlo gratuito per i ragazzi. 

1. Con il primo obiettivo di 12.000 euro riusciamo a garantire l'intero progetto di due mesi per circa 80 ragazzi, fatto di incontri, uscite, lezioni a bordo dell'imbarcazione ed evento finale di chiusura con pubblicazione dei risultati ottenuti.
2. Con il secondo obiettivo di 20.000 euro riusciamo a regalare un sogno: partecipare alla regata Brindisi-Corfù. I ragazzi ritenuti idonei faranno parte del team di un'imbarcazione che concorre alla regata. Un obiettivo ambizioso per chiunque, entusiasmante per questi ragazzi.

A cosa servono i fondi:

  • € 4.560,00 a sostegno per l'utilizzo dell'imbarcazione attrezzata per la Velaterapia
  • € 3.500,00 al sostegno per il coinvolgimento di istruttori esperti, tecnici, e staff di psicologi
  • € 989,00 a sostegno delle spese grafiche e stampe materiale ricompense
  • € 1.991,00 Iva 22%
  • € 960,00 Commissione 8% ulule
    Tot. € 12.000,00

Raggiungimento del 2° obiettivo (più € 8000,00)
Partecipazione alla regata Brindisi Corfù

  • € 1000,00 iscrizione alla Regata, coperture assicurative
  • € 1000,00 a sostegno trasferimenti per l'equipaggio, skipper ed imbarcazione
  • € 2500,00 a sostegno per utilizzo dell'imbarcazione attrezzata da regata
  • € 1000,00 a sostegno per rimborso carburante, cambusa e spese dei ragazzi partecipanti alla regata
  • € 1000,00 per spese grafiche e banner pubblicitari sull'imbarcazione
  • € 1500,00 per divise equipaggio
    Totale 1° obiettivo + 2° obiettivo € 20.000,00

A proposito del progettista

Sono Giovanni De Pasquale, ideatore del Progetto Salpiamo e fondatore della Ionian Sea nel 2011, mi occupo non solo di vacanze in barca a vela, ma attraverso la divulgazione delle attività veliche e marinaresche su tutto il territorio ionico. Sono nato nel 1982 a Taranto, città dei due mari, e a soli 9 anni ho iniziato la carriera di velista, con diverse regate regionali e nazionali.
Crescendo la mia passione per questo bellissimo sport è aumentata e ho sentito il bisogno di condividere l'emozione e i benefici di questo sport con gli altri. All'età di 17 anni ho iniziato come aiuto istruttore FIV (Federazione Italiana Vela) per poi prendere il brevetto di Istruttore Federale all'età di 18 anni nel 2001. 
Da allora ho sempre insegnato a bambini, ragazzi ed adulti e non ho mai smesso di trasmettere la mia passione per il mare. Allenatore delle squadre agonistiche di bambini e ragazzi fino al 2012, ho partecipato a regate importanti nelle varie categorie dalle derive alla classe altura (imbarcazioni cabinate di 12 mt.) ottenendo diversi successi.
Ho collaborato con diverse Associazioni per strutturare corsi dedicati a ragazzi svantaggiati socialmente, ragazzi down e con diverse disabilità. I riscontri sono stati molto positivi e da qui nasce l'idea di Salpiamo un progetto che non vuole soffermarsi solo sullo sterile corso di vela, ma divenire un vero e proprio percorso da affrontare con i ragazzi, i familiari gli psicologi ed educatori tutti, che possa migliorare effettivamente i diversi stati psico-fisici di tutti i soggetti coinvolti. Un percorso ben strutturato che possa consentire di dare un supporto sociale vero, pratico e soprattutto a contatto con la natura. 

Seguiteci su Facebook per aggiornamenti e per condividere con noi questa avventura:

https://www.facebook.com/ProgettoSalpiamo/

Il nostro sito:

http://www.ioniansea.it/salpiamo/